Condizioni di prenotazione

Come prenotare

Per prenotare un soggiorno scrivici una e-mail o effettua telefonata di conferma riportante i Vostri dati.

Caparra & Storno

La caparra richiesta a conferma definitiva della prenotazione costituisce garanzia della stessa e non acconto sui servizi prestati. Nel caso in cui la caparra richiesta non ci pervenisse entro il termine indicato nella corrispondenza, saremmo costretti a stornare la prenotazione.

Il soggiorno è garantito con il versamento di una caparra confirmatoria del 30% da effettuare, tramite bonifico bancario o carta di credito, entro 7 giorni dalla prenotazione.

Nella causale specificare: caparra confirmatoria-periodo-nome.

Per il pagamento si accettano contanti, assegni, carte di credito, bancomat.

Carte di credito accettate: Visa, Master Card, CartaSi, Maestro, Pago Bancomat.

Non si concedono riduzioni, per arrivi posticipati e partenze anticipate, se non concordato diversamente con la direzione.

In caso di partenza anticipata o arrivo posticipato verrà addebitato l’importo relativo i letti vuoti (prezzo pernottamento).

Check-In & Check Out

Si prega gentilmente di liberare le camere alla partenza non più tardi delle ore 10.00.

Le camere sono a disposizione dalle ore 14.00, qualora l’arrivo fosse previsto oltre le ore 20.00 saremmo grati se fossimo avvertiti.

Tassa di soggiorno

A partire dal 1 novembre 2015 la Provincia Autonoma di Trento ha introdotto l’imposta provinciale di soggiorno secondo quanto stabilito dalla l.p. 8/2002 art. 16 bis.

L’imposta è dovuta da ogni persona che pernotta nelle strutture ricettive ubicate nel territorio provinciale per un massimo di 10 notti consecutive presso la medesima struttura.

La misura dell’imposta per questa struttura ricettiva è di euro 2,00 per persona/notte.

Sono previsti dei casi di esenzione:

  • i minori fino al compimento del 14° anno di età;
  • coloro che ricevono terapie presso strutture sanitarie ospedaliere pubbliche e private accreditate, convenzionate con il servizio sanitario nazionale site nel territorio provinciale;
  • i soggetti accompagnatori di pazienti ricoverati nelle strutture sanitarie ospedaliere pubbliche e private accreditate, convenzionate con il servizio sanitario nazionale, ubicate nel territorio provinciale, nel limite di un accompagnatore per paziente;
  • gli operatori della protezione civile e il personale appartenente alle forze di polizia, alle forze armate e ai vigili del fuoco se alloggiano nelle strutture ricettive per esigenze di servizio;
  • i richiedenti protezione internazionale, i minori stranieri non accompagnati e le vittime di tratta temporaneamente accolti nelle strutture ricettive;
  • i soggetti che alloggiano in strutture ricettive a seguito di provvedimenti adottati da autorità pubbliche per fronteggiare situazioni di emergenza conseguenti a eventi calamitosi o di natura straordinaria.
Una lunga
storia d'amore
dal 1973